SB Friend | L’intergenerazionalità
434
post-template-default,single,single-post,postid-434,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

L’intergenerazionalità

Le Aziende sono organismi composti da più della somma delle loro parti, sviluppano noti, conoscenze, azioni, un percepito nelle comunità nelle quali agiscono. Possono fare il bene, il male, hanno impatto e ricaduta. Anche le più piccole.
Negli anni 30 del secolo scorso le aziende strutturate avevano vite medie di 90 anni, il che è interessante, in un mondo in cui la vita media umana era intorno ai 60 anni; significava che le Imprese erano entità che travalicavano la vita umana ed era ragionevole pensare che chi le costituiva non ne avrebbe visto il termine. Ipotizzando un cambio generazionale ogni 25 anni una azienda aveva una vita media di oltre 3 generazioni umane.
Tre generazioni successive di lavoratori che svolgevano tutto il loro ciclo lavorativo all’interno dell’ “organismo” aziendale.

Da una ricerca di London Business School emerge che oggi la vita media di una azienda è di 17 anni circa, a fronte di una vita media umana prossima agli 80 anni. Con una “vita” lavorativa media per il lavoratore di 30 anni oggi l’impresa alla sua nascita ha una prospettiva di vita pari a metà della vita lavorativa media di un impiegato e questo significa che l’impresa che solo 80 anni fa copriva mediamente più di 3 generazioni di lavoratori oggi ne copre mezza.

Nessuno di coloro che ci lavorano potrà sviluppare l’intero suo ciclo lavorativo all’interno della stessa azienda perché a un certo momento essa cesserà di esistere, chi la costituisce con buona ragionevolezza le sopravviverà. E’ una pessima notizia perché l’Azienda che assume carattere “temporaneo” si deresponsabilizza rispetto ai comportamenti e alle ricadute verso gli Uomini e il Pianeta. Non sviluppa un “noto” ed è facile preda di comportamenti predatori.

La questione della intergenerazionalità diventa quindi elemento fondante e centrale in un azienda, ed è bene costruire modalità di gestione condivise al fine di introdurre aspetti che possono “trattenere in azienda” elementi valoriali trasmissibili per creare imprese senza data di scadenza, un concetto chiave per l’azienda di successo.